Jesuits News
MAGIS
Opera missionaria della Provincia Euro-Mediterranea dei gesuiti
MAGIS Diritti fondamentali Donne in formazione contro il terrorismo e il Covid-19
Burkina Faso,

Donne in formazione contro il terrorismo e il Covid-19

donne burkinabé

Il contesto burkinabé è doppiamente segnato dall’insicurezza per il terrorismo e dal Covid-19. Ma nonostante la difficile situazione che ha ritardato l’inizio del progetto, la formazione prevista si è tenuta alla presenza di 42 donne e in una buona atmosfera. Le donne sfollate, beneficiarie del progetto, hanno partecipato attivamente alle varie attività formative proposte.

Il progetto “Attività generatrici di reddito per donne sfollate” attivato dal Centro Diocesano di comunicazione della Diocesi di Ouahigouya (responsabile anche della Radio Notre Dame du Sahel, già partner locale di progetto) grazie al supporto del Magis, prevede il sostegno ad attività generatrici di reddito per 42 donne sfollate.

Un contributo allo sviluppo e un modo per contrastare la minaccia del terrorismo (per approfondire la conoscenza del contesto burkinabé, si rimanda ad un articolo scritto da Victor Ouedraogo, Direttore del Centro di comunicazione e coordinatore dei programmi di sviluppo della Diocesi di Ouahigouya pubblicato su Aggiornamenti Sociali, numero di aprile 2020).

Le donne hanno beneficiato di due giorni di formazione full time con momenti formativi finalizzati al rafforzamento delle loro competenze per la gestione delle attività generatrici di reddito e del reddito ottenuto. Le sessioni formative si sono svolte nella sala riunioni di Bam, località con un alto indice di sfollati. Il lavoro formativo è stato svolto secondo un approccio basato sulla partecipazione attiva dei partecipanti tenendo conto della condizione di analfabetismo delle donne.

A fine sessione è stato offerto alle donne partecipanti un contributo economico da utilizzare per l’avvio di piccole attività di reddito come un allevamento, un orto, una piccola sartoria ect….attività decise dalle donne stesse e successivamente monitorate del team del Centro diocesano di comunicazione. Il progetto permetterà alle donne di migliorare le loro condizioni di vita duramente provate dalla paura per gli atti terroristici nei confronti dei cristiani più che dal coronavirus.

Due testimonianze:

  1. “Siamo davvero molto soddisfatte del metodo di formazione del formatore che ci ha permesso di avere molti chiarimenti sulla gestione del AGR. Che Dio benedica coloro che hanno iniziato questa formazione e coloro che l’hanno finanziata. Faremo del nostro meglio per meritare la fiducia che ci avete accordato” SYAN Germaine, delegata dei partecipanti.
  2. “Prima di questa formazione, abbiamo lavorato in modo molto casuale perché la nostra conoscenza del management era molto limitata” GARBA Claudia
Tags

Condividi

Progetti correlati