Jesuits News
MAGIS
Opera missionaria della Provincia Euro-Mediterranea dei gesuiti
MAGIS Cultura Lok Manch: cresce la consapevolezza donne
India,

Lok Manch: cresce la consapevolezza donne

«Lok Manch si mette al fianco delle donne, le rende consapevoli dei propri diritti e delle modalità per accedervi, promuove la loro partecipazione e il loro coinvolgimento». Suor Ruby, coordinatrice di progetto, lo ha detto alla platea intervenuta all’incontro “India. Lok Manch, la rete in ascolto del grido del povero”, organizzato lo scorso 6 novembre dalla Fondazione Magis con il patrocinio della Facoltà di Missiologia dell’Università Gregoriana.

Lok Manch, la piattaforma del popolo che dal 2015 mette in rete le comunità emarginate con le organizzazioni delle società civile in 13 Stati dell’India per restituire dignità e diritti agli ultimi, ha particolarmente a cuore la questione di genere in un paese in cui solo il 46% della popolazione femminile è analfabeta, dove solo i 2/3 delle giovani tra i 6 e i 17 anni frequentano la scuola, dove il 25% delle ragazze si sposa in età fin troppo giovane, dove le donne sono spesso escluse dalla vita familiare, sociale e politica.

Oggi, dopo 4 anni di attività, grazie a Lok Manch «molte donne (il 50%) sono diventate leaders di comunità, partecipano regolarmente alle riunioni di villaggio sono capaci di esprimersi e comunicare senza più timore, conoscono i propri diritti e come accedervi».

Lok Manch è una piattaforma unica nel suo genere, non solo perché è una rete aperta che unisce realtà laiche e religiose in una stessa missione, ma anche per la metodologia che utilizza: un approccio dal basso, che parte dai bisogni e dalle richieste di quella parte della popolazione che non viene ascoltata da governi e istituzioni, lasciando agli stessi esclusi la parola, l’azione e la decisione. Lok Manch scopre e forma dei leaders di comunità che vengono individuati all’interno dalle comunità stesse, li informa su quelli che sono i diritti e le riserve previste dalla legge e fornisce loro gli strumenti per accedere a questi diritti, perché Lok Manch non svolge attività caritatevoli – come sottolinea Padre Denzil Fernandes , Direttore Esecutivo dell’Indian Social Institute di Nuova Delhi -, ma insegna la giustizia, crea le basi per un pensiero critico in modo che chi si trova ai margini sia informato sui propri diritti e  capace di rivendicarli.

«Andare da loro, vivere con loro, imparare da loro, iniziare con ciò che hanno, costruire con ciò che possiedono e soprattutto amarli: solo così gli invisibili, i poveri e gli emarginati un giorno potranno dire: Noi lo abbiamo fatto!». Ha detto Padre Sannybhai, mentore della rete Lok Manch.

Le comunità di dalits, adivasi (tribali), gruppi vulnerabili, poveri urbani e rurali, donne e tutti coloro che sono abbandonati dalla società si uniscono e agiscono insieme per creare una nazione più giusta e democratica. Insieme, abbattendo le barriere religiose, culturali, linguistiche perché solo attraverso la collaborazione e il dialogo è possibile vivere in pace ed armonia. “Insieme facciamo la differenze” questo è il motto che Lok Manch ha adottato per far fronte alle crescenti ingiustizie della società indiana.

Lok Manch è agente di cambiamento insieme ai gruppi emarginati, commina con loro per liberarli da miseria e ingiustizia, li accompagna in un processo di riconciliazione e pace, dà voce a chi non riesce a parlare, perché solo insieme il cambiamento è possibile.

Condividi

Progetti correlati