Jesuits News
MAGIS
Opera missionaria della Provincia Euro-Mediterranea dei gesuiti
MAGIS Diritti fondamentali Sostegno a Padre Stan Swamy: la dichiarazione del Segretariato per la Giustizia Sociale e l’Ecologia
India,

Sostegno a Padre Stan Swamy: la dichiarazione del Segretariato per la Giustizia Sociale e l’Ecologia

Mobilitazione della Curia a Roma a sostegno di p. Stan Swamy

La Fondazione MAGIS si unisce alle voci che si levano da più parti nel mondo a sostegno di Padre Stan Swamy, il gesuita di 83 anni in carcere da ottobre a Mumbai.

Riportiamo di seguito la dichiarazione del Segretariato per la Giustizia Sociale e l’Ecologia sulla negazione della libertà provvisoria a Padre Stan, una vita impegnata nelle battaglie dei tribali per i loro diritti, un simbolo per tutti quanti sono in carcere ingiustamente.

La libertà provvisoria negata a P. Stan Swamy SJ in India
Il Segretariato e la Compagnia di Gesù rimangono saldamente uniti nella solidarietà con il nostro fratello Stan e altri difensori dei diritti umani

UNA DICHIARAZIONE DEL SEGRETARIATO PER LA GIUSTIZIA SOCIALE E L’ECOLOGIA, ROMA

La Compagnia di Gesù è profondamente addolorata nell’apprendere che lunedì 22 marzo 2021, il tribunale speciale della National Investigation Agency (NIA) ha respinto la richiesta di cauzione del nostro fratello P. Stan Swamy SJ dopo averlo tenuto in prigione per 164 giorni. Stan è stato arrestato l’8 ottobre 2020, nella sua residenza a Ranchi, Jharkhand e da allora è stato tenuto in custodia giudiziaria nella prigione di Taloja, vicino a Mumbai, nel bel mezzo della pandemia di Covid-19.

Ciò che è più preoccupante è che la cauzione è stata negata a un difensore dei diritti umani di 83 anni che soffre di molte malattie tra cui un grave Parkinson. Come compagni gesuiti, affermiamo che Stan si è impegnato nella difesa degli adivasis (popoli indigeni) e di altre comunità svantaggiate i cui diritti fondamentali sono stati negati e sistematicamente calpestati. Confermiamo che Stan inequivocabilmente crede, professa e si impegna in attività per “assicurare a tutti i suoi cittadini: GIUSTIZIA…, LIBERTA’…, UGUAGLIANZA…, e promuovere tra tutti la FRATERNITA’ assicurando la dignità dell’individuo e l’unità e l’integrità della Nazione” (Preambolo della Costituzione dell’India). I gesuiti credono e praticano anche i valori del dialogo pacifico e della “nonviolenza” sulla scia dal Mahatma Gandhi, il Padre della nazione.

Quindi, come gesuiti diffusi in tutto il mondo, siamo sconcertati e indignati nel leggere l’ordinanza di 34 pagine del tribunale della NIA. Basandosi sui documenti forniti dall’accusa, il tribunale ha prima facie dichiarato che Stan “ha ordito una grave cospirazione, insieme ai membri dell’organizzazione vietata, per creare disordini nell’intero paese e per sopraffare il governo, politicamente e usando la forza muscolare” (#67). La Compagnia di Gesù nega e condanna con forza una tale affermazione del dotto tribunale. Siamo uniti a Stan e a molti altri difensori dei diritti umani in questo frangente cruciale. Ci impegniamo a continuare il nostro sforzo, sia a livello nazionale che internazionale, per portare alla luce la verità e la giustizia e per difendere i diritti delle persone vulnerabili in modo pacifico e non violento.

Come gesuiti che hanno percorso il difficile cammino di essere “al crocevia delle ideologie, nelle trincee sociali” (Papa Paolo VI, 3 dicembre 1974) negli ultimi 5 secoli, abbiamo affrontato innumerevoli situazioni del genere in molte parti del mondo. Siamo consapevoli delle conseguenze della nostra scelta di stare con i poveri. Alcuni gesuiti, come il beato Rutilio Grande in Salvador e A.T. Thomas in Jharkhand, India, che hanno scelto di stare con i poveri, sono stati uccisi. Perciò non siamo molto sorpresi dall’ordine del tribunale speciale della NIA che ha negato la cauzione al Padre Stan.

Nel caso in questione, è importante notare che l’ambito giuridico di questo particolare tribunale della NIA è limitato all’Unlawful Activities [Prevention] Act (UAPA) e a pochi altri, ma non a tutte le leggi della nazione. La legge viola i principi stabiliti secondo cui “una persona è innocente fino a prova contraria” e la regola generale: “la cauzione è la norma; il carcere è l’eccezione”. L’UAPA, caricando l’onere sull’accusato per provare la propri l’innocenza dell’accusato, agisce in modo diametralmente opposto a questi assiomi legali. Inoltre, questo UAPA è stato modificato nel luglio 2019. L’emendamento fatto ai sensi delle sezioni 35 e 36 della legge principale del 1967, arma semplicemente il governo centrale per designare un individuo o un’organizzazione “terrorista” e incarcerare chiunque ritenga indesiderabile con quasi nessuna possibilità di cauzione. Nell’attuale caso Bhima Koregaon, alcuni hanno passato quasi 3 anni in prigione, senza affrontare il processo.

Quello che sta accadendo nel paese, specialmente negli ultimi anni, non sono incidenti casuali. È indicativo di un malessere e di un’erosione della democrazia in India, come sottolineato nel rapporto internazionale sulla democrazia (Democracy under Siege, Freedom in the World 2021, Freedom House). Questa è il dramma non solo di Stan Swamy ma anche di tanti altri difensori dei diritti umani, studenti, donne, contadini, intellettuali, movimenti della società civile e chiunque abbia osato opporsi o criticare le politiche del governo negli ultimi anni. Sono etichettati come “terroristi, criminali e antinazionali” e sono imprigionati a tempo indeterminato sotto la draconiana UAPA con mancanza di trasparenza nelle indagini.

In questo contesto, ricordiamo ciò che Stan aveva detto in un video messaggio, registrato solo due giorni prima del suo arresto: “Quello che mi sta succedendo non è qualcosa di unico che accade solo a me. È un processo più ampio che si sta svolgendo in tutto il paese… Sono felice di far parte di questo processo perché non sono uno spettatore silenzioso ma parte di un gioco e pronto a pagarne il prezzo, qualunque esso sia“.

In seguito alla sua detenzione, la Compagnia di Gesù e un certo numero di gruppi della società civile hanno fatto campagna, si sono mobilitati e hanno sostenuto in tutta l’India e in tutto il mondo il rilascio di Stan e di altri 15 incarcerati dal 2018. In un comunicato stampa del 20 ottobre 2020, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha espresso la sua preoccupazione per il caso di P. Stan Swamy e ha esortato le autorità indiane “a rilasciare le persone accusate ai sensi dell’Unlawful Activities Prevention Act per aver semplicemente esercitato i diritti umani fondamentali che l’India è tenuta a proteggere.” Il 3 novembre 2020, il vicepresidente del gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione arbitraria, il relatore speciale sulla situazione dei difensori dei diritti umani e il relatore speciale sulle questioni relative alle minoranze hanno rilasciato una dichiarazione in cui esprimono preoccupazione per la detenzione arbitraria e le molestie ai danni del Padre Stan Swamy come reazione al suo lavoro pacifico sui diritti umani.

Nonostante il nostro dolore e la nostra delusione, siamo in sintonia con le parole di p. Jerome S. D’Souza SJ, presidente della Conferenza dei gesuiti dell’Asia Meridionale. Nel suo comunicato stampa del 22 marzo 2021, egli afferma: “Continuiamo a sperare e a pregare che la giustizia prevalga, e che P. Stan sia presto rilasciato e assolto dopo un giusto processo, poiché abbiamo una profonda fiducia nella Costituzione dell’India e nel sistema giudiziario”. Crediamo anche nelle parole di San Paolo che ha detto: “Siamo afflitti in ogni modo, ma non schiacciati; perplessi, ma non ridotti alla disperazione; perseguitati, ma non abbandonati; colpiti, ma non distrutti” (2 Cor. 4, 8-9). In questo periodo della Settimana Santa, le parole di San Paolo hanno molto senso per noi: che noi “portiamo sempre nel corpo la morte di Gesù, affinché anche la vita di Gesù sia resa visibile nel nostro corpo” (2 Cor. 4, 10).

Crediamo che “la giustizia prevarrà e tutti i moralmente retti saranno rivendicati” (Sal. 94, 15). Facciamo appello a tutti i governi, agli organismi internazionali e ai gruppi e alle organizzazioni della società civile affinché chiedano allo Stato indiano di abrogare la UAPA e di rilasciare immediatamente Stan e tutti gli altri difensori dei diritti umani.

P. Xavier Jeyaraj SJ

Segretario, SJES-Roma

28 marzo 2021

Fonte: https://www.sjesjesuits.global/it/2021/04/01/la-liberta-provvisoria-negata-a-p-stan-swamy-sj-in-india/

Condividi

Progetti correlati

A fianco dei popoli tribali

A fianco dei popoli tribali

India — L’associazione Animation Rural Outreach Service Society (Arouse), nata per iniziativa del gesuita Peter Paul Van Nuffel, lavora dal 1978 per aiutare gli adivasi (tribali) cercando di creare «una società rurale… Continua a leggere