Jesuits News
MAGIS
Opera missionaria della Provincia Euro-Mediterranea dei gesuiti
MAGIS Diritti fondamentali Accanto ai più vulnerabili in emergenza covid-19
India,

Accanto ai più vulnerabili in emergenza covid-19

Nell’attuale situazione indiana, caratterizzata da un caos generale, paura, disperazione e incertezza per il futuro a causa del coronavirus, i gesuiti della Provincia di Ranchi in India si sono prontamente mobilitati per fornire supporto ai migranti – lavoratori informali – di rientro dalle città perché hanno perso il lavoro a causa del lockdown, e alle famiglie più povere dei villaggi che sono rimaste senza mezzi di sostentamento per la mancanza delle rimesse e dei lavori “a giornata”.

Nelle zone di Muri e Tamar, in prossimità del confine con Bengala Occidentale, i gesuiti hanno allestito dei centri di accoglienza – spesso nelle scuole ora chiuse a causa del coronavirus – per aiutare le migliaia di lavoratori migranti rimasti bloccati nel Bengala Occidentale, in Bihar e in Uttar Pradesh. Al momento le persone accolte sono circa un migliaio. A queste viene fornita una prima assistenza con screening per il covid-19, distribuzione di kit igienico-sanitari e cibo.

Nei villaggi rurali ci sono poi molte famiglie che non riescono ad acquistare i beni di prima necessità a causa della mancanza delle rimesse, della perdita del lavoro, dell’aumento dei prezzi di beni di prima necessità ma anche a causa della corruzione dei negozianti. Il Governo infatti, nonostante si sia subito mobilitato per far fronte all’emergenza mettendo a disposizione, gratuitamente, le derrate alimentari per i più poveri, non riesce a raggiungere tutti perché i negozianti che dovrebbero distribuirle, a volte, chiedono alle famiglie “mazzette” per la distribuzione o trattengono il cibo per poi rivenderlo a prezzo maggiorato peggiorando la già grave situazione. Tutto ciò ha ulteriormente aggravato la situazione di chi viveva già sulla soglia di povertà.

Per far fronte a tale emergenza, i gesuiti insieme a congregazioni religiose, associazioni, istituzioni locali e donors internazionali (tra cui il MAGIS) hanno creato una rete di aiuti per garantire supporto ai gruppi più vulnerabili, tribali, dalits, lavoratori precari, minoranze religiose, anziani soli e donne abbandonate che vivono nella aree più marginali distribuendo pacchi alimentari contenenti riso, patate, farina, cipolle, lenticchie, olio, sale. Ad oggi sono state raggiunte oltre 10.000 famiglie nella zona di Ranchi, Khunti, Gumla, Simdega, Lohardaga, Bingaon. A Ranchi, i gesuiti hanno allestimento anche un presidio per la donazione di sangue e aperto un call center per rispondere alle richieste di aiuto dei migranti rimasti bloccati fuori dal Jharkhand. Periodicamente vengono organizzate campagne informative sul Covid-19 per sensibilizzare la popolazione sulle misure preventive da adottare e distribuire i kit personali (sapone, mascherine, gel).

Un video dall’India per comprendere la spinta missionaria dei gesuiti e le attività assistenziali garantite ai gruppi più vulnerabili.

Il MAGIS sta sostenendo i gesuiti di Ranchi impegnati nell’assistenza ai migranti e allo loro famiglie. Puoi contribuire anche tu al progetto “Assistenza ai migranti in emergenza Covid-19” con una donazione su https://bit.ly/2ZN2PuN

Condividi

Progetti correlati

A fianco dei popoli tribali

A fianco dei popoli tribali

India — L’associazione Animation Rural Outreach Service Society (Arouse), nata per iniziativa del gesuita Peter Paul Van Nuffel, lavora dal 1978 per aiutare gli adivasi (tribali) cercando di creare «una società rurale… Continua a leggere